RINVIATO – E TU?

di Dimitri Campanella e Mariagrazia Bazzicalupo

ore 21:00

E tu? è una mano decisa e protesa allo spettatore, che lo accompagna stretta fino all’abbandono, all’istante poco prima dello schianto.
E tu? è un atto di ribellione, è una marcia sanguigna sul tapisroulant decadente di una società ingorda, dedita all’accumulo di persone, emozioni, relazioni, cose e animali.
E tu? è una domanda, e non potrebbe essere altrimenti.

Lo spettacolo nasce da un lavoro di ricerca in cui visioni, sensazioni e riflessioni, luci, gesti e suoni sono stati intessuti in un’unica partitura, più volte cucita, strappata, e poi ricucita sui corpi dei due attori/autori. Il risultato è una performance originale per testo e musiche che, in una forma tra live-set elettronico e action grotowskiana, porta in scena una costante ricerca linguistica e comunicativa tra spettacolo e spettatore. La regia-tecnica non è solo parte integrante della scena, ma è un fattore dominante: traccia significativa sulla quale i personaggi non agiscono, ma sono agiti.
In uno schema delineato, metodico, ciclico, i due personaggi seguono le orme delle loro azioni, programmate in una partitura fredda, contratta e corrosa, attraverso una sonorità 4/4 che ne scandisce il ritmo. Sono il dominante e il dominato, l’aguzzino e il prigioniero, il padrone e lo schiavo. Ma chi è il soggetto? Tutto è un’unica identità, e nessuna, non c’è più posto per un soggetto. Ma “non ti preoccupare, tu devi consumare”: chiusi nella ripetibilità di una meccanica vuota, autodistruttiva e sempre uguale a se stessa, i due personaggi consumano i loro corpi e le loro vite, ignari della verità delle loro esistenze.
Il flusso incessante di segni prodotti dalla sincronia fra audio-video-luci-parole investe lo spettatore e lo rende parte attiva di una ritualità satura di cliché e meccanismi della comunicazione pubblicitaria.

______________

DALLE ORE 20:00 APERITIVO OFFERTO IN TEATRO

______________

Regia e musiche: Dimitri Campanella
Drammaturgia: Mariagrazia Bazzicalupo
Luci: Giuseppe Tomasi
In collaborazione con LegÀmi Compagnia Teatrale e Teatro Alemanni
Condividi su:

Did you like this? Share it!